Pubblicato il

TERMOCAMINI | RISCALDARE E PRODURRE ACQUA CALDA IN MODO SEMPLICE E VANTAGGIOSO

TERMOCAMINI RISCALDARE E PRODURRE ACQUA CALDA

Termocamini | Riscaldare e produrre acqua calda in modo semplice e vantaggioso.

Per chi desidera fare una scelta consapevole nell’ambito della razionalizzazione delle fonti energetiche, i termocamini si distinguono per le ottimali prestazioni nel riscaldare e produrre acqua calda sanitaria con una sensibile riduzione dei consumi energetici.

Il termocamino è la soluzione ideale per chi desidera sfruttare al meglio combustibile ecologico e combustione: mentre riscaldate la vostra casa, con lo stesso calore potrete alimentare altri impianti di riscaldamento, produrre acqua calda per i sanitari ed eliminare lo scaldabagno, elemento di grande consumo energetico nella casa.

Con il design classico del focolare a legna realizzato con un monoblocco in acciaio o ghisa coibentato con materassini di lana di roccia o vetro, il termocamino consta di un’ampia camera di combustione per aumentare l’autonomia dell’alimentazione a legna o a pellet. Nella versione combinata, è completamente rivestito di materiale di pregio per cui l’intero impianto non è visibile, mantenendo una struttura sofisticata e perfettamente adattabile a ogni stile di arredamento.

Il suo sportello con vetri a porte o con sali e scendi realizzato in vetroceramica che ne aumenta il rendimento termico, pone il termocamino come un elemento chiave nella vostra cucina, permettendovi di cucinare ogni tipologia di cibo alla brace o alla spiedo, anche se in tutti questi vantaggi appare di più lenta messa in opera, in quanto necessita dell’installazione di una canna fumaria più grande, di una presa d’aria esterna ed è inutilizzabile nella stagione estiva, per questo è necessario avere delle fonti di produzione di acqua calda alternative.

Il termocamino, infatti, non è funzionante separato dal circuito di raffreddamento della camera di combustione: l’acqua assorbe una quantità eccessiva di calore e diminuendo la temperatura nella camera di combustione riduce l’ottimale combustione dei fumi aumentando il consumo di combustibile e rendendo il prodotto non più sostenibile per il dispendio di energia.

Il termocamino ha la possibilità di integrarsi al vostro impianto di riscaldamento preesistente grazie a un sistema di valvole e una centralina elettronica che si sincronizzano con le fonti di calore e la regolazione dell’aria comburente. In questo modo l’impianto tradizionale si accende automaticamente quando non si ha la possibilità di controllarne il funzionamento, mentre il termocamino a legna diviene l’impianto utilizzato quando si è in casa, permettendo un minore consumo di combustibile. Anche in questo caso, è necessario progettare l’installazione della canna fumaria in funzione della posizione della centralina elettronica dei termosifoni; tale operazione deve essere eseguita da un termotecnico, soprattutto se i due impianti sono distanti e necessitano di opere edili.

Il termocamino, inoltre, non ha bisogno di un particolare servizio di manutenzione oltre alla pulizia annuale della canna fumaria e della camera di combustione, ma prima di acquistarne uno è necessario sapere che ogni impianto è soggetto alle normative CEE e UNI, che ne garantiscono sicurezza nel funzionamento e resistenza nel tempo: controllate sempre le certificazioni e omologazioni nazionali e internazionali, anche nelle varie tipologie presenti sul mercato, ad aria e ad acqua particolarmente apprezzate nel mercato del riscaldamento sostenibile.

L’energia generata durante la combustione viene incanalata nelle alette e catturata: il meccanismo provoca l’aumento della temperatura e bruciando le particelle ancora incombuste si favorisce un’emissione di fumi pulita; i vetri ceramici con resistenza fino agli 800° C permettono di vedere il fuoco come in un caminetto tradizionale creando un’atmosfera calda e accogliente.

Scegliere un termocamino per la propria abitazione significa, come detto precedentemente, utilizzare un solo impianto per il riscaldamento della propria abitazione e per la generazione dell’acqua calda sanitaria per il sistema idrico. Già il fatto di racchiudere due bisogni fondamentali per gli occupanti dell’abitazione in un solo sistema comporta la riduzione dei consumi, se poi desideriamo aggiungere anche il risparmio sul costo della legna, allora la bolletta si riduce ancora maggiormente. Il termocamino, infatti, permette di produrre calore e acqua calda sfruttando un solo processo di combustione, fattore che permette di non necessitare più dell’elettricità per il riscaldamento dell’acqua, funzione precedentemente affidata allo scaldabagno.

E’ possibile effettuare una piccola stima dei consumi energetici evidenziando che il consumo di combustibile, e in particolare di legna, varia in base alla grandezza del locale da riscaldare, ma è possibile affermare che per riscaldare un ambiente di 80 mq sono necessari 5 kg di legna all’ora, mentre per riscaldarne 200 mq ne occorrono 11 kg con una resa termica dell’80%. Il risparmio energetico, anche senza dei dati matematici, può essere valutato solo con il pensiero che un caminetto tradizionale ha una resa termica di circa il 20% al massimo, in quanto la maggior parte del calore viene dispersa dalla canna fumaria.

Non perdere tempo e scopri la nostra gamma di termocamini disponibili in catalogo qui:

https://www.solimandoforniture.it/categoria-prodotto/termocamini/